San Domenico, 2 stelle Michelin dal 1977 - Menu degustazione e vini abbinati alle portate

In Sintesi

2 stelle sulla guida Michelin, 2 cappelli e 17/20 sulla guida L'Espresso, 2 forchette e 86/100 sul Gambero Rosso
Icona della gastronomia nazionale dal 1970, con repertorio della tradizione rielaborato con sapienza dagli chef Valentino Marcattilii e Massimiliano Mascia
3 antipasti, primo, secondo, dolce e 4 calici di vino abbinati alle portate per 2 o 4 persone
Nel centro storico di Imola, ambiente lussuoso curato nei minimi dettagli

Condizioni
Utilizzabile dal 16.09.2014 al 16.06.2015
Max un coupon utilizzabile per 2 o 4 persone
Valido da martedì a venerdì 12.30-13.45 e 20-21.45, sabato 20-21.45, domenica 12.30-13.45
Prenotazione online obbligatoria. Il coupon va stampato e presentato all'arrivo. La prenotazione può essere annullata entro 48 ore, oltre tale termine il coupon verrà riscattato automaticamente
È consigliato un abbigliamento adeguato
Prezzo originale verificato il 23.07.2014
Condizioni generali


La prenotazione va effettuata necessariamente online, collegandosi all'indirizzo: www.mytable.it/groupon/deals/9528

L'alta cucina è un'arte che si affina con pratica e passione: la costante ricerca di accostamenti, ingredienti, tecniche e nuove interpretazioni della tradizione. Scopri i risultati di questa preziosa alchimia al San Domenico, uno dei migliori ristoranti d'Italia.

Scegli tra le opzioni

  • Menu per 2 persone a 189 € invece di 370
  • Menu per 4 persone a 349 € invece di 740

Il menu consiste in un percorso di degustazione con portate complessive scelte dallo chef e calici di vino abbinati. Dal momento che la carta è soggetta a variazioni nel rispetto della stagionalità e della freschezza degli ingredienti, quelli che seguono sono solo alcuni dei piatti che potranno essere proposti. Il menu degustazione prevede a testa:

  • bollicine di benvenuto, per esempio Franciacorta DOCG 2008 Antica Fratta o Il Grigio, vino spumante rosé brut Collavini
  • 3 antipasti, per esempio filetto di triglia dorato con crema di borlotti al rosmarino, filetto di baccalà in tempura con crema di broccoli siciliani, trancio di rombo arrostito in guazzetto di carciofi al vino bianco
  • primo, per esempio il famoso uovo in raviolo San Domenico con burro di malga, parmigiano dolce e tartufo o riso mantecato con cipolla tostata e ristretto di sugo d’arrosto caramellato allo zucchero di canna
  • secondo, per esempio guancialino di vitello brasato con polenta morbida al formaggio di fossa o coscia di faraona farcita in salsa di funghi dell’Appennino
  • piccola pasticceria
  • dessert, per esempio tortino tiepido al cacao con banane caramellate o torta fiorentina San Domenico in salsa profiterole
  • 3 calici di vino in abbinamento alle portate principali, per esempio Friulano 2011 dei Colli orientali del Friuli, Angoris; Clemente I Gold 2010, Sauvignon-Riesling-Pagadebit, Enio Ottaviani; Ripasso 2010, Valpollicella classico superiore, Bertani; Peppoli 2010, Chianti classico DOCG, San Casciano-Firenze, Antinori; Monteolivo 2011, Moscato d’Asti, Nizza Monferrato-Asti, Bersano; vino liquoroso per il dolce come Zibibbo o Marsala-Trapani, Duca di Castelmonte
  • una bottiglia d'acqua a coppia
  • caffè
  • coperto

Ristorante San Domenico

Il 7 marzo 1970 Gianluigi Morini decise di dare vita al suo più grande sogno: creare un ristorante in cui gustare la "cucina di casa", da sempre prerogativa delle famiglie nobili e reali. A sostenerlo nell'impresa si unì Nino Bergese, detto "il cuoco dei re, il re dei cuochi" per la sua attività in casa Savoia e uno degli chef più importanti dell'ultimo secolo, sempre alla ricerca della perfezione assoluta.

La grande svolta arrivò nel 1977, quando il giovane aiuto chef Valentino Marcattilii prese le redini della cucina. Per la prima volta nella ristorazione italiana si parlò dell'aristocratica "cucina di casa", divenuta marchio del San Domenico e primo passo verso la conquista delle 2 stelle Michelin. Oggi il maestro Marcattilii figura nel novero dei più grandi chef del nostro Paese.

L'atmosfera d'altri tempi rende l'ambiente del San Domenico rilassante e accogliente, con stoffe dai colori caldi e intensi, arredamenti raffinati e oggetti antichi. Otre al palato, a essere soddisfatti saranno anche gli occhi. I piatti vengono preparati con cura meticolosa, sotto l'occhio vigile di Marcattilii e del nipote, lo chef Massimiliano Mascia, ultimo interprete della cucina del San Domenico.

Straordinaria la cantina: costruita nel Cinquecento dai frati domenicani, conserva ancora alcune testimonianze di epoca romana. Bottiglie pregiate e liquori rari sono oggi conservati con cura.

Recensioni

Le 2 stelle degli esperti della Guida Michelin vengono riconfermate da più di 30 anni grazie a una cucina creativa che non dimentica le radici del territorio e alla sapienza con cui vengono preparate le portate sia di carne sia di pesce.

L'Espresso riconosce il locale come una delle colonne della ristorazione italiana, che da più di 40 anni mantiene intatto il proprio stile rinnovandosi ogni anno. Il servizio è impeccabile, la cantina più che interessante, i pani e la piccola pasticceria un vero e proprio piacere da gustare.

La Guida del Gambero Rosso non si esime da complimenti e riconoscimenti al locale, autore di una delle migliori cucine italiane. Esempio di classe, discrezione e professionalità, San Domenico accoglie i clienti in un ambiente raffinato e li segue con attenzione fino alla fine del servizio e oltre, mettendo a disposizione un salottino con caminetto per rilassarsi dopo il pasto.

Recensioni verificate il 23.07.2014

Ristorante San Domenico
A
Via Sacchi 1 Imola 40026 
Indicazioni stradali»
Ristorante San Domenico offerto da Groupon.it
Utilizzando il nostro sito web acconsenti all´uso di cookie. Per saperne di più clicca qui. Non mostrare più