Spazio Diamante - Gli spettacoli dell'anno 2019, tra danza e teatro - dal 17 gennaio all'8 marzo (sconto 33%)

Spazio Diamante

Solo per poco tempo!
Fino a 33% di sconto
Scegli opzione
Impossibile aggiungere ora. Per favore, prova ancora più tardi
Impossibile aggiungere ora. Per favore, prova ancora più tardi

L'offerta comprende


Scegli tra 5 opzioni

  • Murder Ballad, Omicidio in Rock - 17 gennaio ore 21 a 12 € invece di 18 €
  • 193 Problemi - 25 gennaio ore 21 a 12 € invece di 18 €
  • Vertenze Politiche su una Versione Pornografica sul Mito di Pasìfae - 1 febbraio ore 21 a 12 € invece di 18 €
  • Il Principio di Archimede - 7 marzo ore 21 a 12 € invece di 18 €
  • Il Principio di Archimede - 8 marzo ore 21 a 12 € invece di 18 €

Murder Ballad - Omicidio in Rock

Murder Ballad è un rock musical che racconta un triangolo amoroso. La canzone di apertura recita “Se parliamo di un omicidio, è logico che ci sia un assassino e che qualcuno dovrà morire”. Ed è proprio la ricerca e la scoperta di questo presunto crimine, la linea guida di tutto lo spettacolo. Protagonisti della storia sono Sarah, Tom e Michael. Sarah e Tom sono due giovani artisti in cerca di gloria nella New York delle grandi possibilità, ma anche delle grandi delusioni. La loro passionale relazione viene incrinata dall’alcool e dalla difficoltà di raggiungere quel successo tanto sperato. Quando Sarah incontra Michael, un poeta tutto libri e letteratura, i due si sposano, hanno una bambina e cominciano i problemi. Sarah non accetta la sua nuova vita da mamma ed entra in depressione. Tom intanto acquista un club tutto suo e torna alla ribalta. Il caso vuole che i due si rincontrino e vivano una nuova passionale storia, lasciando all’oscuro il povero Michael. Murder Ballad è ancora oggi uno degli spettacoli più originali degli ultimi vent’anni di produzione Off-Broadway, messo in scena in tutto il mondo e ultimamente a Londra, presso l’Art Theatre nel WestEnd, con una produzione e un cast artistico eccezionale.

193 Problemi

Lo spettacolo si presenta al pubblico come una sorta di esperimento sociale in cui gli individui selezionati non hanno caratteristiche adatte a creare un progetto comune, ma nel quale, attraverso l’ostinazione, riescono comunque a portare avanti l’azione scenica. I 193 problemi a cui il titolo fa riferimento sono parte di una lista che ispira in maniera ironica il lavoro della compagnia, raccogliendo imprevisti, disavventure, incidenti più o meno gravi accaduti ai componenti durante i due anni di creazione. I problemi entrano nella scena e ne diventano il motore, in maniera più o meno esplicita, conferendo alla situazioni un colore tragicomico che vuole nel contempo far sorridere e riflettere. 193 problemi riporta sulla scena le difficoltà del collettivo, che vanno dal banale incastro delle rispettive abitudini a problematiche molto più influenti; tra queste risalta il tema delle barriere transnazionali che, ponendo ancora oggi limiti alla circolazione degli individui, ostacolano la libera creazione artistica tra artisti appartenenti a paesi diversi.

Vertenze Politiche su una Versione Pornografica sul Mito di Pasìfae

La mitica Isola di Creta diventa la “Creta Costruzioni Spa”, una società italiana che si occupa di costruzioni, soprattutto nel settore turistico. Minosse, il presidente, ha da tempo adocchiato un terreno dove costruire un grande resort con tanto di piscine e campi da golf, proposito facilmente realizzabile per uno scaltro businessman di alta estrazione sociale e amici giusti, se non fosse che proprio il terreno prescelto è abitato dall’ultimo esemplare di Toro Bianco in Italia, cosa che preclude il permesso di edificazione al costruttore. Ma Minosse non ne vuole sapere di arrendersi alla legge italiana e, insieme ai suoi amministratori delegati, Dedalo e Pasìfae, si dà un gran da fare per cercare di aggirare l’ostacolo. Quel che accade è un groviglio di complotti e speculazioni, di lotte esterne ed interne, senza scrupoli e senza la costrizione all’ipocrisia solitamente dettata dall’opinione pubblica. È una messa a nudo degli animi accesi di tre spregiudicati affaristi, dalla stessa parte soltanto per necessità e devoti solo al capitalismo, in un mondo dove fedeltà, coerenza e ambizione sono termini vacillanti, relativi e spesso pericolosi. La storia prende una brutta piega quando l’amministratrice delegata Pasìfae comincia ad avere strane sensazioni… Il mito, eterno, si compie anche tra cravatte, telefoni e tacchi a spillo.

Il Principio di Archimede

La vicenda si svolge tutta nello spogliatoio degli istruttori di nuoto di una piscina, nell’arco delle ore che intercorrono tra le lezioni mattutine e quelle pomeridiane. I personaggi sono quattro: Jordi, giovane istruttore dal temperamento estroverso e amato dai ragazzini per la sua giovialità; Hector, collega di Jordi dal carattere più riservato e conformista; Anna, direttrice della piscina, competente e severa, segnata dalla precoce perdita del figlio; David, padre di uno dei ragazzini che frequentano i corsi, energico e autoritario, ossessionato dai tanti pericoli in cui può incorrere il figlio. Durante un allenamento Jordi dà un bacio a uno dei bambini che si è messo a piangere per paura dell’acqua. Questo gesto provoca le perplessità di alcuni genitori, già turbati da un caso di pedofilia verificatosi in una vicina ludoteca. Si innesca così una spirale di diffidenza, pregiudizi e paure che portano dal sospetto alla psicosi collettiva, dall’indiscrezione alla crocifissione mediatica. Due sono le caratteristiche principali dello spettacolo. La prima è che non si sa la verità sulle reali intenzioni di Jordi. La rappresentazione si concentra infatti sulle dinamiche inter-personali e sociali che si scatenano a partire da un evento la cui realtà o falsità diventa del tutto ininfluente rispetto agli effetti che produce. La seconda è che il susseguirsi delle scene non seguono un ordine cronologico; andando avanti ed indietro nella vicenda, lo spettatore procede conformando la sua visione a seconda delle varie prospettive che gli offrono i quattro personaggi, riproducendo quella frantumazione con la quale nella realtà si ricevono le informazioni dai media o dai social-network.

Spazio Diamante

Spazio Diamante è il luogo idoneo per corsi di formazione. Tra le collaborazioni che ha fatto si ricorda quella con la scuola di danza di Kledi Kadiu. Ha inaugurato il Festival InDivenire che, dedicato ai giovani e ai nuovi linguaggi, rappresenta un momento di aggregazione delle realtà culturali più vivaci sul territorio. Insieme al Teatro Brancaccio, al Teatro Brancaccino e alla Sala Umberto, ha portando avanti un lavoro di costruzione di un piccolo distretto culturale aperto a tutti.

Questo deal è offerto da Officine Del Teatro Italiano Oti Societa Consortile A.R.L. Contatti del partner: info@spaziodiamante.it, 06.6794753.

Condizioni


Validità: vedi date e orari in descrizione
Dove: Spazio Diamante, Roma
Ritiro biglietti: il biglietto può essere ritirato il giorno dell’evento presentando il coupon alle casse
Limiti: ingresso per una persona, solo per l'opzione acquistata
Info ulteriori: il posto viene assegnato dalla produzione, non è possibile sceglierlo. Posti vicini per più biglietti acquistati tramite lo stesso account Groupon.
Stampa e porta con te il coupon. Offerta non soggetta a diritto di recesso
Prezzo originale verificato il 31.12.2018 (info)
Consulta le condizioni generali

Info su Spettacoli 2019, Spazio Diamante a Roma


Spettacoli 2019, Spazio Diamante a Roma

Vita notturna, Teatro, Tempo libero o svago, Spettacolo teatrale, Tickets
Acquistando questo deal, guadagnerai punti che possono essere spesi per ottenere sconti e vantaggi. Per ogni 5000 punti guadagnati puoi ottenere uno sconto di 5€ sul tuo prossimo acquisto.