GrouponMag TORINO

Fumne, la moda etica creata in carcere a Torino

Scritto da DAISY ROMANIELLO | 10.3.2015 |
Fumne, la moda etica creata in carcere a Torino

Fumne in piemontese significa donne ed è il nome del brand realizzato dall'associazione Lacasadipinocchio. Per le detenute della casa circondariale Lorusso e Cotugno, Fumne significa “opportunità”.

Tutto nasce nel laboratorio artigianale dell’associazione che da anni opera in carcere: qui ogni capo o accessorio viene realizzato a mano con materiali di recupero pregiati e selezionati accuratamente, esaltando le capacità personali e le potenzialità delle donne recluse, per le quali partecipare a questo progetto rappresenta l’accesso ad un lavoro dignitoso che possa alleviare il disagio del carcere e rappresentare una speranza per il futuro.

Così, vecchie coperte della nonna, nella sartoria del carcere diventano “Ci hanno s…coperte”, la collezione di blanket bags composta da pezzi a spalla o tracolla, pochette, shopper, zaini in catalogna, mentre capi e accessori rivisitati vanno a comporre la linea della collezione Creative Evasioni, realizzata in collaborazione con l’associazione Mamre. Non solo borse o abiti, nel portfolio di Fumne c’è anche Meditazione, una limited edition di bijoux ispirati al silenzio e alla riflessione, per esorcizzare il lungo tempo della pena. Rosari, croci, libricini, fazzoletti ricamati e ciondoli ispirati agli ex voto realizzati a mano, recuperando vecchie collane, piccole sculture, frammenti di monili e perline: nella loro unicità questi accessori incarnano e rappresentano appieno la mano femminile che li ha realizzati: dalla Nigeria tipica è la vivacità dei colori, dalla Romania la classicità, mentre la sperimentazione artistica caratterizza il tocco marocchino.

Moda Fumne

Fumne non è l’unico progetto de Lacasadipinocchio: l’ultima delle iniziative in programma dell’associazione è FumneIndependent, un percorso formativo che mira ad accompagnare e sostenere le donne detenute nel loro percorso di reinserimento, fornendo gli strumenti e le competenze necessarie per affrontare il mondo del lavoro, una volta in libertà. Una “palestra” nella quale le donne recluse sono affiancate da un team di esperte di business plan, ricerca di finanziamenti, coaching e comunicazione.

Una volta al mese il laboratorio di Fumne nel carcere di Torino si apre al pubblico femminile per una giornata di workshop, FumneLab, in cui le donne recluse insegnano alle donne libere a realizzare insieme qualcosa di speciale. In programma un laboratorio sulla tintura naturale, il punto croce, la tecnica base per la lavorazione del feltro, o una giornata al femminile dedicata all’estetica low cost. Un modo per creare un ponte, tra il mondo dentro e il mondo fuori il carcere, e un’occasione di condivisione e scambio.

Gli articoli della collezione Fumne sono disponibili in alcuni punti vendita in Italia e all’estero e presso Marte, il concept store dei prodotti carcerari, in via delle Orfane 24D, Torino.

Articoli correlati

Only Green, i cosmetici naturali di Torino

Shopping a Torino

Moda e bellezza a Torino

Daisy Romaniello
Scritto da Daisy Romaniello Daisy Romaniello
{}