GrouponMag BARI

SPOPS: il fruttivendolo di Bari dove si può bere e mangiare

Scritto da ROBERTA LONGO | 24.6.2015 |
SPOPS: il fruttivendolo di Bari dove si può bere e mangiare

L'aspirazione al vivere sano è sbarcata nella patria del fritto. Sarà l'amore per il km 0, il desiderio di una vita genuina, il sentirsi vegetariani a giorni alterni, la moda del veg-bio-nature-detox, insomma, sarà quel che sarà, ma anche noi siamo nel tunnel.

Frulez, per primo, ci ha catapultati in questo incredibile universo: da quel giorno l'acqua aromatizzata al cetriolo è diventata un must, le insalate un piatto unico e non più una simpatica cornice verde tra petti di pollo e patatine, i centrifugati e un ricco cruditè l'aperitivo delle 18. E così, nella Bari che cambia e si evolve, arrivò SPOPS.

“Il fruttivendolo dove si può bere e mangiare”. L'idea è proprio quella di partire da un semplice negozio di frutta e verdura per sviluppare, attorno agli stessi spazi, una caffetteria e un ristorante.

Partiamo dal fruttivendolo: frutta e verdura rigorosamente a km 0, ma anche legumi, spezie, marmellate e tisane. Il non plus ultra per i pigri come la sottoscritta sono le porzioni già belle e pronte da prendere e portar via. Se il pulire/sbucciare/lavare è un deterrente alla green life avete risolto il problema.

Passiamo alla caffetteria e al ristorante. I menù proposti sono strettamente legati ai prodotti forniti dal negozio; già a partire dalla colazione via libera a frullati ed estratti di frutta. Ottimi i cornetti vegani (consigliati anche a chi vegano non è) e le torte fatte in casa, quella Paradiso su tutte.  

Spops

Pausa pranzo sia. Per una pausa veloce insalate, piadine, tramezzini e aperitivi accompagnati da cocktail alcolici e analcolici realizzati con i frutti di stagione; per un pranzo più tranquillo, invece, c'è la valida alternativa dei tre menù proposti dal ristorante, rigorosamente accompagnati da quattro vini made in Puglia. Scelta forse un po' limitata, ma perfetta nell'ottica di premiare la qualità a discapito della quantità.

Più elaborati e prettamente vegetariani i piatti proposti a cena; comune denominatore, l'utilizzo di materie prime stagionali legate alla nostra terra.

Bella presentazione dei piatti, proposte originali e sapori ben equilibrati, ma quanto alle porzioni si potrebbe fare un pochino di più. Ultimo assaggio primaverile: crema di carote di Polignano con formaggio fresco e crostini al carbone, muffin red velvet con crema di yogurt e more.

Tra un po' di sano food shopping e qualche sana distrazione alimentare, c'è spazio anche per l'acquisto di un bel mazzolin di fiori. Lo ammetto, questo è l'angolo che amo di più: fiori, tanti e infiniti fiori. Una gioia per gli occhi e per l'umore.

spops aperitivo

Alle pareti un bellissimo progetto di wall-paintings d'arte contemporanea in mostra permanente: sei artisti, sei codici stilistici differenti, sei “leggende urbane” che non appartengono soltanto alla strada ma al panorama nazionale e internazionale di arte contemporanea. Per la serie “un premio per la pancia, uno per gli occhi”.

In generale l'intero concept è di quelli che personalmente amo: cucina a vista, tanta luce, colori ovunque, cibo sano, economia sostenibile. Promosso.

Spops
Via Melo da Bari (angolo Via Abate Gimma)
Tel: 0805237208

Articoli correlati
Mangiare vegano e vegetariano a Bari
Idee su dove mangiare e bere
Ristoranti a Bari in offerta

Infoturismiamoci
Scritto da Roberta Longo Infoturismiamoci
{}