GrouponMag VENEZIA

Mangiare bene a Venezia: ecco gli indirizzi da segnare

Scritto da MARGHERITA GIAMPICCOLO | 29.1.2015 |
Mangiare bene a Venezia: ecco gli indirizzi da segnare

Venezia è meravigliosa, si sa, ma se sulla sua bellezza non si discute, lo si può fare invece sull'enogastronomia, per cui c'è bisogno di una doverosa premessa. Se i turisti possono trovare molte stelle nei lussuosi alberghi lagunari, non ne trovano altrettante nei ristoranti. I locali più blasonati – come l'Harry's bar di Cipriani, per dirne uno su tutti – sono particolarmente dispendiosi e spesso anche le trattorie infieriscono colpi mortali ai portafogli: il ragionamento, per farla molto breve e un po' cruda, è che la bellezza di Venezia è inversamente proporzionale alla qualità dei suoi ristoranti.

Però, attenzione, perché la cucina veneta è tra le più apprezzate e, se si conoscono i posti giusti, si può andare via da Venezia con gli occhi ricchi di meraviglia e anche la pancia piena e soddisfatta.

Se avete in programma un romantico weekend veneto, prendete carta e penna e non ve ne pentirete.

Rosa Salva

Per colazione o in qualunque momento della giornata in cui lo stomaco brontola, fate un salto da Rosa Salva, locale storico di Venezia con più sedi nella città: insieme al caffè non potrete dire di no alla vasta scelta di pasticceria (i diplomatici e le romane sono top) e ai tramezzini strabordanti con ripieni inusuali.

Dopodiché, andate a prendere il vaporetto per Murano: non perdetevi i piccoli show che fanno i maestri vetrai (3€ gli adulti, bambini gratis) che riescono a trasformare in pochi minuti una palla incandescente in un vaso meraviglioso. Costeggiando la via principale dei negozietti si arriva alla Basilica di Santa Maria e Donato, uno dei massimi esempi di romanico lagunare: ecco, lì di fianco c'è un bar piccolo, caldo, accogliente, che oltre a toast e tramezzini, vi propone degli snack di polenta ripieni di gorgonzola, pancetta e radicchio o baccalà mantecato. Ovviamente da abbinare ad uno spritz o ad un'ombra di vino.

Riprendete il vaporetto per Venezia (e lasciatevi incantare da San Michele, il cimitero veneziano in mezzo al mare) e dopo un po' di girovagare tra le calli, arriva sistematica la voglia di gelato: vicino a Piazza San Marco c'è White dove il gelato non sarà il più buono del mondo ma te lo fai come vuoi! Coppette mastodontiche da riempire dei gusti che più ti piacciono e arricchirli di mini brownies, granella di nocciole, frutta secca o marmellate, smarties, biscottini, cioccolato fuso bianco o nero e chi più ne ha più ne metta, tutto self service. Il paradiso dei golosi, per giocare e tornare un po' bambini. (Occhio, si paga a peso!)

Spritz

Qualche riga sopra vi ho buttato lì uno spritz, con nonchalance. Lo spritz, per un veneziano, è un vero rito da consumare insieme ai cicheti (non chiamatele tapas, per carità) che i tanti bacari propongono. Al Campo Cesare Battisti, in zona mercato vicino al ponte di Rialto, c'è Al mercà, un piccolo locale dove lo spritz costa 2€ e si beve rigorosamente all'aperto; di fianco trovate La casa del parmigiano, dove potete prendere degli assaggi di formaggi veneti, farveli tagliare a tocchetti e gustarli “in campo”con il vostro bicchiere in mano.

Non perdetevi la rosticceria Gislon aperta negli anni '30, dove si possono comprare piatti da asporto oppure gustarli direttamente lì: da provare assolutamente il nero di seppia, le sarde in saor e il baccalà mantecato da spalmare sui crostini di polenta.

Trattoria Madonna

Nel cuore di Venezia c'è la Trattoria alla Madonna aperta nel 1954 da Fulvio Rado e oggi gestita dal figlio Lucio, ha mantenuto negli anni il suo stile e la qualità nei piatti della tradizione. Il menù si basa prevalentemente sul pesce, comprato quotidianamente nel vicino mercato ittico: granseola nel guscio, canocchie olio e limone, cozze alla marinara, risotto di mare, spaghetti al nero di seppia, gran fritto di mare e pesce alla griglia: con il buon bianco della casa e un paio di piatti, il conto è sui €40.

tramonto venezia

Andate a Venezia, lasciatevi affascinare dai palazzi sui canali, dall'equilibrio quasi circense dei gondolieri, dalle vetrine ricche di maschere preziose e oggetti in vetro, lasciatevi incantare dall'eleganza di Piazza San Marco con i suoi caffè dai soffitti a cassettoni, perdetevi tra le calli e i sotopòrteghi, ma non perdetevi questi indirizzi!

Articoli correlati
Venezia low cost giorno e notte
Idee su dove mangiare e bere a Venezia
Dove mangiare bene a Venezia tra enoteche e ristoranti

Margherita Giampiccolo
Scritto da Margherita Giampiccolo Margherita Giampiccolo
{}