GrouponMag VENEZIA

5 spiagge non turistiche di Venezia

Scritto da LIZ | 21.7.2014 |
5 spiagge non turistiche di Venezia

Quando arriva l’estate, solo all’idea di prendere la macchina e andarsene fino a Jesolo facendo le ore di coda per qualche ora di sole, mi sento male. Solitamente vado al Lido, ma anche lì la situazione sta diventando ingestibile, nelle ore pomeridiane le spiagge libere diventano un tappeto di asciugamani, così mi sono messa a pensare, ma dov’è che posso andare a prendere il sole in santa pace senza un milione di turisti attorno, a Venezia?

Ecco da dove nasce la lista delle 5 spiagge libere meno turistiche di Venezia e provincia.

San Piero in Volta

San Piero in Volta

Per chi non la conosce San Piero in Volta è una località veneziana sull’isola di Pellestrina, che si affaccia sulla laguna di fronte all’Isola del Lido. Quando ero piccola a Pellestrina ci venivo spesso, più tranquillo, meno gente, e poi mi piaceva raccogliere gli occhi di santa Lucia, conchiglie che al Lido non trovavo. La spiaggia di San Piero in Volta è veramente molto piccola e non aspettatevi vendita di ombrelloni e sdraio, perchè è una spiaggia libera in tutti i sensi. I turisti qui non vengono, noi si!

Ca Roman

CA’ Roman

Per chi non lo sapesse, questa in realtà è un’isoletta, unita a Pellestrina dalla diga artificiale dei murazzi. Questo è un gioiellino della laguna veneta, poco conosciuto e frequentato se non da chi lo conosce, un’oasi naturale per fortuna non ancora intaccata dal turismo di massa. La spiaggia è libera, ma per mantenerla bella ed incontaminata come lo è adesso, bisogna rispettarla e seguire le regole imposte dalla Lipu (Lega italiana Protezione Uccelli), perché la zona di Ca’ Roman, soprattutto nel periodo primaverile si riempi di fauna rara.

Malamocco

Nonostante si trovi sull’isola del Lido, la spiaggia di Malamocco non è tanto frequentata dal turismo, per lo meno non da quello di massa. Noi che gli ombrelloni che li portiamo da casa qui siamo anche comodi, spiaggia libera, niente sdraio da prendere a noleggio a prezzi esorbitanti. Se vi capita di vedere qualche turista è perché c’è qualche bed&breakfast, ma direi che finchè la situazione rimane così non c’è da lamentarsi.

Pellestrina

Alberoni

Anche qui la flora e la fauna fanno da padrone, mia mamma mi parlava sempre degli Alberoni come la spiaggia dove era solita andare da giovane, lontano da tutto, ed è ancora così! Per arrivarci bisogna un po’ farsi strada tra alberi e arbusti, ma una volta sorpassato il primo pezzo il gioco e fatto e si può iniziare a godersi la giornata in spiaggia.

Punta Sabbioni

Tra quelle elencate probabilmente la più visitata, per via della sua vicinanza con Cavallino e Jesolo e i suoi numerosi campeggi, ma la spiaggia libera rimane ancora abbastanza tranquilla, insomma il posto per prendere il sole lo si trova. Siamo di fronte ad una spiaggia probabilmente più curata delle precedenti e più adatta magari a chi ha bambini e necessita di alcuni servizi.

Personalmente amo Pellestrina perché ancora mantiene una sua identità e perché molti miei ricordi d’infanzia sono legati a quelle spiagge, dove mi perdevo sul bagnasciuga alla ricerca degli occhi di Santa Lucia, ve li ricordate?

[N.d.R. Se siete alla ricerca di cose non turistiche da fare a Venezia potete dare un'occhiata a questo articolo e in generale a tutto il nostro magazine. Ovviamente se poi volete passare all'azione e trovare spunti per cose da fare a Venezia, le offerte di Groupon potrebbero essere la soluzione adatta]

Blog di Viaggi Ve
Scritto da Liz Blog di Viaggi Ve
{}