GrouponMag VENEZIA

I palazzi imperdibili di Venezia

Scritto da LIZ | 11.2.2015 |
I palazzi imperdibili di Venezia

Quando in una città ci si vive e non ci si va da turisti, si tende a passare sopra con lo sguardo ad edifici e particolari che l’occhio attento di un viaggiatore invece noterebbe ed esalterebbe. Venezia è ricca di palazzi appartenenti un tempo alle ricche famiglie veneziane, alcuni visitabili, alcuni no, altri ancora sono ora un albergo, spesso e volentieri extralusso o quasi per cui non ci fa più neanche tanto caso. Ma perché girare per la nostra città senza conoscere ciò che ci circonda? Sarebbe come farsi un giro al supermercato senza sapere cosa comprare.

Calli, campi e palazzi sono la storia di Venezia, ed è lì, tangibile, come lo era secoli fa, ci rendiamo conto della fortuna che abbiamo?

I palazzi veneziani portano il nome delle ex famiglie proprietarie, tranne in alcuni casi.

Venezia Ca Oro

Ca’ d’Oro

In realtà il palazzo appartiene alla famiglia Franchetti, di cui ospita le gallerie, ma l’ideatore e il costruttore dell’edificio era un certo Marino Contarini, alla cui morte la Ca’ d’Oro venne divisa tra le tre figlie. Una volta arrivato in mano a Giorgio Franchetti, il palazzo aveva subito una serie di passaggi di proprietà che ne avevano mutato la fisionomia, tanto che lui stesso decise di ristrutturarla. Il pavimento marmoreo, all’interno, che copre una superficie pari a 350 metri quadrati, è stato curato direttamente da Giorgio Franchetti.

La Ca’ d’Oro fu ceduta allo Stato alla fine dei lavori, in cambio dei finanziamento ottenuti per il restauro. Perché allora questo nome? La sua storia è legata al fatto che un tempo, parti della facciata rivolta sul Canal Grande erano rivestite d’oro.

Se già l’esterno stupisce, il palazzo al suo interno nasconde una corte, che già solo osservata dalle ampie finestre rapisce. Il prezzo del biglietto è di 6€ a persona, il ridotto è di 3€.

Michiel

Palazzo Michiel

In direzione Rialto, poco più avanti si trova Palazzo Michiel, anche questo che si affaccia sulle acque del Canal Grande. A prima vista non sembra un palazzo degno di nota, se non per la schiera di colonne che ne contraddistingue la facciata. La famiglia a cui deve il nome, fornì ben tre dogi alla Serenissima.

Oggi il palazzo è sede della Galleria Internazionale d’Arte Moderna e ospita collezioni otto novecentesche. Il secondo piano è adibito a mostre temporanee.

Cà Vendramin

Tutti sanno che a Venezia c’è il Casinò. C’è chi lo sa perché si ricorda di quando Felicetto Maniero, a suo tempo, aveva pensato di farci un salto e chi per altri motivi, ma pochi lo chiamano con il suo vero nome: Ca’ Vendramin Calergi, anzi, ad essere precisi, sarebbe Palazzo Lorendan Vendramin Calergi, dal momento che fu la famiglia Lorendan a volerne la costruzione. Venezia è sempre stata una terra di vizi, da quello del piacere carnale a quello del gioco, qui infatti ci si poteva aspettare che venisse costruito il primo casinò d’Europa.

Per entrare a visitarlo l’unica soluzione è diventare giocatori per una sera.

Ca Pesaro

Cà Pesaro

Ci siamo spostati sulla sponda di fronte, ma rimaniamo sempre affacciati al Canal Grande, Ca’ Pesaro fu fatta costruire dalla ricca famiglia veneziana da cui prende il nome. Al giorno d’oggi è di proprietà del Comune di Venezia ed è sede della Galleria Internazionale dell’Arte Moderna e, all’ultimo piano, del Museo di Arte Orientale.

Per i residenti nel comune di Venezia l’entrata è gratuita, per tutti gli altri il biglietto è di 10,50€ l’intero e 8€ il ridotto.

Articoli correlati
Eventi e tempo libero a Venezia
Tutti gli eventi imperdibili a Venezia
La Collezione Peggy Guggenheim di Venezia per chi ama l'arte moderna

Blog di Viaggi Ve
Scritto da Liz Blog di Viaggi Ve
{}