GrouponMag

5 modi per abbronzarsi restando in città

Scritto da ELENA MAGRO | 22.7.2014 |
5 modi per abbronzarsi restando in
città

C’è chi nasce con la camicia, chi con i piedi piatti e chi con una pelle diversamente mediterranea come la mia. Sì, ambisco a una carnagione color cioccolato al latte come la Divina (naturalmente si parla di Beyoncè) ma per evitare di finire su un programma di Real Time che studia il mio fototipo, prendo atto del patrimonio genetico di cui mi ha dotato Madre Natura e mi calo nella realtà milanese per affrontare il problema dell’abbronzatura in città.

estate parco

Qui stilo una rigorosa lista di cose-a-caso utili per chi deve provvedere al cambio di colore.

Tempo libero

La soluzione più ovvia è quella di andare in piscina, in un centro estetico (evitando l'effetto Ross, se possibile!) o prendere un treno per spostarsi in una città di mare. Ma questo post non è un elenco di ovvietà per cui prosegui con la lettura dei To Do per l’estate 2014, non te ne pentirai

Fai da te

Rendo omaggio all’Ikea per la Billy che ho trasportato in ogni appartamento universitario in cui sono stata ma ora, se non hai le tazzine di pora nonna, un comodino provenzale e due vasi Bormioli che usi come portalampadine non sei nessuno. Quindi puoi metterti sul microbalcone a dipingere un lampadario o sbeccare un piatto. Ne guadagni in stile e in più t’abbronzi i polsi.

Nutrizione a km 0

Ce lo insegnano Antonella e Benedetta che se non impasti il pane e non fai una fonduta di pecorino con le fave non hai alcun diritto di avvicinarti ai fornelli. Devi apprezzare il piacere delle cose semplici, tornare alle origini del gusto, all’integralismo dei sapori. La consapevolezza, quindi, spinge a coltivare l’erba cipollina, che quella cresce in verticale e sul microbalcone di cui sopra non c’è posto per altro. E qui sfrutta l’innaffiatura per abbronzarti le caviglie.

Abbronzatura

Movimento

Evita i mezzi pubblici e chi se ne serve. Tutti hanno un solo obiettivo ovvero raggiungere scuola, ufficio, università evitando gli ostacoli, te incluso. Per cui inforca la bici e pedala fino alla meta così da godere del primo sole del mattino o della luce al tramonto. Anche perché, dopo polsi e caviglie, forse è il caso di tinteggiare anche il resto del corpo. Fa niente se abiti sui Navigli e le zanzare hanno le dimensioni degli elicotteri.

Abbigliamento consono

La moda estiva propone vestiti senza forma alcuna, ciabattoni da piscina, magliette ampie che donano anche se non hai un fisico da bottiglietta delle Coca-Cola e ti permettono di arieggiare il corpo in città evitando il fastidio delle aderenze sulle spalle accaldate dal solleone.

E voi, come vi abbronzate in città? Siete animali da parco o preferite rinchiudervi in casa e aspettare le ferie al mare? Se avete altre idee e consigli per noi venite a trovarci su Facebook e parliamone... c'è sempre spazio per nuovi trucchi pro-abbronzatura cittadina!

Elena Magro
Scritto da Elena Magro Elena Magro
{}