GrouponMag ROMA

Felice a Testaccio a Roma: dove mangiare la cucina romana con i turisti

Scritto da FEDERICA PIERSIMONI | 2.6.2014 |

Felice a Testaccio a Roma: dove mangiare la cucina romana con i turistiFelice a Testaccio è uno dei posti più noti a Roma per gustare qualche buon piatto della tradizione romana. Chi vi consiglia di andare da Felice sa per certo che a Roma mangiare la cacio è pepe è da buongustai ma farla è un'arte e non tutti la sanno fare bene.

Rispetto ad altri ristoranti romani, Felice a Testaccio non è così casereccio come ce lo si aspetta. Il locale si trova a Testaccio, difficile da raggiungere con la metropolitana, molto più facile con tramvia e bus. Nascosto nelle stradine interne di questo bellissimo quartiere non si riconosce se non seguendo alla lettere le indicazioni per arrivarci o ritrovarlo. Felice a Testaccio si trova in Via Mastro Giorgio 29.

felice testaccio

Come tutti i "grandi" che si rispettino, Felice a Testaccio non ha quasi mai posto libero a meno che non prenotiate per il giorno stesso alle 22 di sera (ovviamente questo non vale nei weekend). Chi desidera andare a mangiare da Felice deve prenotare almeno 5 giorni prima. Ma proprio almeno. Il locale è molto grande, almeno tre spazi belli grandi con tavolini per due che si staccano e riattaccano a seconda delle esigenze.

Non esiste il menù, il cameriere prima arriva a chiedere subito come preferite l'acqua e a portarvi il pane, poi arriva a prendere l'ordinazione. Il menù è lui! Nel senso che dopo avervi detto i piatti del giorno, primi, secondi e contorni, voi in quattro e quatt'otto dovete ordinare. La scelta non è mai troppo varia, del resto i piatti sono quelli della tradizione romana, e se la conoscete un minimo saprete già cosa volete mangiare. Il menù comprende tutti i giorni non più di 4 o 5 prima e 5 o sei secondi.

felice supplì

Il piatto forte da Felice a Testaccio è la cacio e pepe insieme agli spaghetti alla carbonara. Le porzioni sono abbondanti e a meno che non abbiate davvero molta fame o non abbiate uno stomaco bello grande con un primo e un contorno sarete sazi, al massimo un dolce. Io consiglio sempre di smezzare il secondo, una volta che andate vale la pena provarne almeno uno, ma se siete persone che già mangiano poco non ce la farete nemmeno ad assaggiarlo.

Il servizio è molto veloce, anche troppo. Personalmente non amo i servizi lenti, del resto chi li ama? Ma non amo nemmeno che tolto un piatto me ne venga servito subito un altro. Questa a mio avviso è una pecca del servizio da non sottovalutare. Se avete la fortuna di sedervi davanti alla cucina, che ha sempre le porte aperte, avrete anche il privilegio di vedere i cuochi all'opera. Una cosa interessante, curiosa e anche una rassicurazione su quello che si mangia. Personalmente non che abbia mai dubitato di Felice da Testaccio, solitamente cerco la cucina più per gioco che per altri motivi.

baccala felice

I dolci sono tutti molto buoni, si va dal mascarpone al bicchiere con tanto di cioccolata fusa sopra fino alla cheescake o la torta con ricotta e visciole. Caffè e grappe non le ho provate invece. Non impiegherete più di 30 minuti per mangiare e a mio avviso sono pochissimi.

Il conto non è proprio economico dato che il pane viene fatto pagare, anche se nessuno lo ordina e i dolci vengono indistintamente 7 euro l'uno. Undici euro invece vengono i primi. Un po' troppo caro a mio avviso.

tiramisù da felice

Felice a Testaccio

Via Mastro Giorgio, 29

Telefono: 065746800

Federica Piersimoni
Scritto da Federica Piersimoni Federica Piersimoni
Dal 2008 scrivo di viaggi low cost e rispondo al nome di Federchicca in quasi tutti i social network. Amo viaggiare e provare cibi locali, fotografare e ovviamente fare tutto in modo low cost ma con la qualità di un viaggio luxor. Questa è la mia sfida personale quando intraprendo un viaggio o esplora la mia città. Sono nata nelle Marche, ho vissuto in Romagna ma oggi risiedo nella Capitale. Oltre al mio blog sui Viaggi Low Cost, ho fondato anche un Blog di coppia, Borghiamo, ma potete leggere delle mie avventure anche su FedericaPierismoni.it

{}