GrouponMag NAPOLI

Il Palazzo Reale di Napoli, tutte le informazioni utili per la visita

Scritto da MENA SANTORO | 30.1.2015 |
Il Palazzo Reale di Napoli, tutte le informazioni utili per la visita

Avete mai sognato di vivere in una Reggia? Oggi visiteremo il Palazzo Reale, una delle quattro residenze usate dalla casa reale dei Borbone di Napoli durante il Regno delle Due Sicilie.

Fu fondato nel 1600 dal vicerè Fernando di Castro conte di Lemos. Abitato dai vicerè spagnoli e austriaci, divenne nel 1734 sede del Regno di Napoli con la creazione del regno autonomo da parte di Carlo di Borbone, e fu residenza reale e centro del potere borbonico fino al 1860. Con l’Unità d’Italia, divenne sede periferica del Regno unificato, abitato alla corte dei Savoia fino al 1946. Qui nacque Vittorio Emanuele III, principe di Napoli. Ceduto con gli altri Palazzi Reali Italiani al Demanio dello Stato nel 1919, parte del palazzo fu destinato ad ospitare la Biblioteca Nazionale di Napoli. Le sale dell’Appartamento Storico al piano nobile, invece, sono aperte al pubblico e trasformate in un vero e proprio museo. Ben trenta sale conservano ancora oggi l’arredo e le decorazioni delle famiglie reali qui succedutesi, tra cui il Teatro di Corte, la Sala degli Ambasciatori, la Sala del Trono, la Sala d’Ercole e la Cappella Reale.

Scalone

La visita ha inizio percorrendo lo straordinario Scalone d’Onore, ornato, nella parte inferiore, da marmi bianchi e rosati; il soffitto è invece caratterizzato da stucchi dei fratelli Beccalli, con stemmi del Regno delle Due Sicilie, tra cui la Trinacria e il Cavallino rampante; al centro è posizionato lo stemma dei Savoia. A reggere il “peso” di tanta bellezza quattro statue in gesso: la Fortezza di Antonio Calì, la Giustizia di Gennaro Calì, la Clemenza di Tito Angelini, la Prudenza di Tommaso Solari.

Dallo Scalone si accede all’Ambulacro, detto anche Galleria. Da qui si dipartono quattro lunghi corridoi sui quali si aprono le stanze dell’Appartamento Storico. Raggiungiamo così il Teatro di Corte che conserva ancora le preziose statue in cartapesta e gesso ritraenti il Dio Apollo, Minerva, Mercurio e le nove muse. Sono posizionate in alto quasi a proteggere il pubblico che qui si recava per assistere agli spettacoli di corte.

Ci addentriamo ora nella prima delle tre anticamere del palazzo. Nella sala II, denominata Anticamera di Sua Maestà, si riuniva il seguito delle delegazioni diplomatiche ricevute nella Sala del Trono. Vi basterà volgere lo sguardo al soffitto per perdervi nei meravigliosi affreschi raffiguranti Il Genio Reale e le virtù del Re e della Regina. Le porte sono dipinte a tempera su fondo d’oro, i mobili in stile neo-barocco, mentre alle pareti vi sono due arazzi della fabbrica Gobelins, dedicati alla celebrazione del Re Sole.

Cappella Palatina

La Seconda Anticamera celebra i Fasti di Alfonso d’Aragona, re di Napoli alla fine del Quattrocento. Qui sono custoditi orologi, candelabri, vasi di porcellana cinese del XIX secolo con scritte beneauguranti. Un dono dello zar Nicola I a Ferdinando II di Borbone.

La Terza Anticamera ritrae sul soffitto Minerva che incorona la Fedeltà, databile al 1818. Tre anticamere che ci conducono finalmente alla Sala del Trono, luogo in cui il Re riceveva i suoi ospiti. La sala è allestita con ritratti, lungo le pareti, di personaggi di corte realmente esistiti. Sul soffitto, invece, vi sono personificazioni delle quattordici province del Regno delle Due Sicilie nel 1818, con gigli araldici. E poi al centro il grande baldacchino di velluto e galloni dorati, con un’aquila che aleggia sul trono.

Dalla Sala del Trono al Salone degli Ambasciatori, che conserva uno degli affreschi più antichi del Palazzo: i Fasti della Casa di Spagna e vari episodi della vita di Ferrante d’Aragona.

Sala Trono

La Sala di Maria Cristina, prima moglie di Ferdinando II, è da identificare con la stanza in cui il Re si vestiva. Proprio accanto è situato l’Oratorio privato della sovrana, abbellito con cinque tele sulla Natività, provenienti dalla Cappella Reale di Capodimonte. Dietro l’altare è posto il sarcofago in rame argentato di Maria Cristina, morta dando alla luce il futuro re Francesco II.

La Sala del Gran Capitano rappresenta una delle testimonianze più preziose rimaste della primitiva decorazione seicentesca del palazzo con arazzi, consoles e divani di intagliatori napoletani.

Tra affreschi e dipinti giungiamo all’ultima sala, la Cappella Reale costruita in onore della Madonna Assunta. Qui venivano celebrate le funzioni religiose del Palazzo.

Informazioni utili:

Il Palazzo Reale è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 20 (la biglietteria chiude alle ore 19); il venerdì dalle 9 alle 22 (la biglietteria chiude alle ore 21). Chiuso il mercoledì, a Natale, Capodanno, 1 Maggio, Ferragosto, salvo aperture straordinarie.

Il costo del biglietto è di 4€ per i visitatori con età superiore ai 24 anni; 3€ per i cittadini europei di età compresa tra 18-24 anni muniti di documento; gratuito la prima domenica di ogni mese in occasione della #domenicalmuseo.

Palazzo Reale di Napoli
Piazza Plebiscito, 1
Tel: 0815808111

Articoli correlati
I teatri più famosi di Napoli
Idee su cosa fare e vedere a Napoli
Le Gallerie di Palazzo Zevallos Stigliano a Napoli

Mena Santoro
Scritto da Mena Santoro Mena Santoro
{}