GrouponMag NAPOLI

Le Gallerie di Palazzo Zevallos Stigliano a Napoli

Scritto da MENA SANTORO | 26.11.2014 |
Le Gallerie di
Palazzo Zevallos Stigliano a Napoli

Ci sono luoghi che scopri così per caso, gironzolando in una tiepida giornata d’autunno. È così che mi sono ritrovata dinanzi ad un palazzo con una fila chilometrica all’ingresso. Presa dalla curiosità ho deciso di entrare anch’io. Non credevo ai miei occhi: sontuose scale in marmo di Carrara, pareti affrescate e dipinte a tempera, sculture, quadri, un soffitto mosaicato, balconate. E una scritta all’ingresso a testimoniare tanta bellezza: “sontuoso e gran palazzo in Strada Toledo, che rende ammirazione a chi lo vede”.

È il Palazzo Zevallos Stigliano, riaperto recentemente e riorganizzato con un nucleo di oltre 120 opere. Insieme alle Gallerie di Piazza Scala a Milano e alle Gallerie di Palazzo Leoni Montanari a Vicenza, rappresenta uno dei poli culturali e museali più importanti. Fanno parte del Progetto Cultura delle “Gallerie d’Italia” di Intesa Sanpaolo, un luogo di scambio culturale in costante interazione con la città. Al loro interno si svolgono laboratori didattici per le scuole, attività dedicate alle famiglie; incontri e conferenze con studiosi e artisti, mostre d’arte di illustri personaggi che hanno caratterizzato la storia della città in cui i Palazzi sono ospitati.

Zavallos Stigliano Scala

Lo Zevallos Stigliano è uno dei più bei palazzi storici di Napoli ed uno dei più visitati in questi mesi grazie alla mostra “Tanzio da Varallo incontra Caravaggio”, allestita fino al 15 gennaio 2015. Una vera e propria antologia sulla pittura a Napoli dal Seicento al Settecento. La mostra offre l’opportunità di seguire i passi di Tanzio nelle due grandi capitali che lo accolsero, Roma e Napoli. Un susseguirsi di dipinti che sembrano quasi dialogare con le opere di altri illustri artisti che, come lui, si sono confrontati con la pittura di Caravaggio: Battistello Caracciolo, il Cavalier d’Arpino e Filippo Vitale. In mostra anche il famosissimo Martirio di Sant’Orsola, di Michelangelo Merisi, e il Davide con la testa di Golia acquistato a metà Ottocento dalla Società d’Incoraggiamento allo Studio del Disegno, e scelto come immagine simbolo dell’evento.

Dai dipinti alle sculture: percorrendo l’incantevole scala marmorea si ammirano enormi statue realizzate in blocco di marmo bianco di Carrara. Bella e imponente è Eva, opera di Attilio Selva. Fu commissionata nel 1939 per la sede di Trieste della Banca e pagata ben centomila lire (una cifra ragguardevole all’epoca). C’è poi il Putto Vendemmiatore, un’allegoria dell’autunno di Raffaele Belliazzi. Una scultura angelica, dall’aspetto soave e dolce. Non trovate anche voi? Sono rimasta ben 10 minuti a fissarlo.

sculture zevallos

Dalle sculture ai paesaggi: un’intera area del palazzo è dedicata ai dipinti paesaggistici. Il maggiore esponente è l’artista olandese Gaspar van Wittel, considerato uno degli iniziatori del vedutismo moderno. È possibile ammirare un dipinto della veduta di Roma con Piazza del Popolo; e la veduta di Napoli con il Borgo di Chiaia da Pizzofalcone. Colori chiari e leggeri illustrano le due grandi città tra il 600 e il 700, con scene di vita quotidiana che avvenivano in spazi comuni, come l’ippodromo, la villa comunale ed il mercato.

Dai paesaggi ai “tipi”: questa è la sezione che più mi è piaciuta. Qui sono custodite le opere di Vincenzo Gemito; terracotte, bronzi e disegni che documentano la sua vena artistica. Si va dal naturalismo più diretto delle teste giovanili modellate in terracotta, come lo Scugnizzo, il Fiociniere e il Moretto, a ritratti di personaggi famosi realizzati in bronzo.

Intesa Sanpaolo dispone di un vasto patrimonio storico, artistico e architettonico. La valorizzazione e la condivisione di questi tesori d’arte è una delle linee guida del Progetto Cultura. Abbiamo il privilegio di vivere in una città di inestimabile valore. Avviciniamoci a lei, conosciamola e proteggiamola. Sono certa che non deluderà nessuno di noi!

Informazioni utili per la visita

Palazzo Zevallos Stigliano - Sede museale di Intesa Sanpaolo
Via Toledo 185, Napoli

Palazzo Zevallos Stigliano è aperto dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18, il sabato dalle 10 alle 20. Giorno di chiusura è il Lunedì.

Il costo del biglietto è Intero € 5; Ridotto € 3; gratuito la prima domenica di ogni mese in occasione della #Domenicalmuseo

Articoli correlati
Gli scavi di Ercolano
Le Catacombe di San Gaudioso nel Rione Sanità a Napoli
10 cose gratuite da vedere a Napoli

Mena Santoro
Scritto da Mena Santoro Mena Santoro
{}