GrouponMag TORINO

Le vie dello shopping in centro a Torino tra stilisti, arte e design

Scritto da FEDERICA GIULIANI | 22.9.2014 |
Le vie dello shopping in centro a Torino tra stilisti, arte e design

Torino sta diventando sempre di più una città alla moda, che cerca di farsi spazio nel panorama italiano puntando sull'originalità e l'eleganza. Abbandoniamo quindi i centri commerciali tutti uguali e inoltriamoci per le vie del centro dove, tra un tramezzino e un bicerin, potrete dare sfogo ai vostri desideri di shopping.

Quadrilatero romano

Il Quadrilatero comprende le vie lastricate tra via Garibaldi, via della Consolata, corso Regina e via XX Settembre. Era il castrum dell’antica città romana Augusta Taurinorum, ma da qualche anno a questa parte è diventato una delle zone più alla moda di Torino: un’area pedonale ricca di negozi e ristoranti. Passeggiando tra pilastri e resti di torri medievali ci si può lasciare incuriosire dalle zone in cui è suddiviso il Quadrilatero: boutique, arte e artigianato, negozi e locali. Tra queste strade si trovano alcuni interessanti negozi di abbigliamento vintage e altri di creativi stilisti emergenti come Born in Berlin (Via delle Orfane 30 | lu-ve 15,30 - 19,30 - sa 11 - 19,30). Per info su dove mangiare e bere al Quadrilatero leggete questo articolo.

Quadrilatero

I portici reali

Tra le cose per cui è famosa Torino ci sono i 18 chilometri di portici dove il re poteva passeggiare tranquillamente anche durante le giornate di pioggia. Sotto quelli dell'austera via Roma si possono trovare le grandi firme della moda italiana e internazionale come Dolce e Gabbana, Armani, Marina Rinaldi, Louis Vuitton, Fendi, Versace, Yves Saint Laurent oltre a Ferragamo, Magli, Fernanda Zanotto per ciò che concerne le calzature di lusso e, per l’abbigliamento più sportivo o casual, Adidas, Robe di Kappa e Lacoste. Via Po, strada anch'essa porticata che porta da piazza Castello alla splendida piazza Vittorio, è sede invece di negozi di abbigliamento etnico ed estroso.

Via Garibaldi

L'isola pedonale più lunga d'Europa, che collega piazza Castello a piazza Statuto, è il punto di riferimento per la moda giovane. Qui si trovano le ultime tendenze in fatto di look oltre ad alcune famose catene di franchising. Da non perdere le strette e curiose strade limitrofe come via Barbaroux e via dei Mercanti, dove trovare antiquari, piccoli bistro e gioiellerie raffinate.

San Salvario

San Salvario

Passeggiando lungo le frequentate vie del quartiere San Salvario si nota la grande varietà di attività presenti: alimentari, botteghe di rarità, boutique etniche, negozi di abbigliamento e laboratori artigianali. Panetterie e tabaccherie storiche si alternano a botteghe con prodotti provenienti da tutto il mondo, espressione di una positiva convivenza tra culture e tradizioni differenti.

I più golosi non potranno mancare una visita all'Indispensario dove potranno trovare più di 150 spezie, tè rari e preziosi, alghe e farine. (Piazza De Amicis 80/c | lunedì: 16.00-19.30 dal martedì al sabato: 9.30-13.00 – 16.00-19.30).

I mercati

Ogni quartiere a Torino ha il proprio mercato quotidiano. Per scarpe e abbigliamento, però, consiglio:

1. piazza Benefica: piccolo mercato in una zona storica e molto suggestiva, la Cit Turin. Per chi cerca vestiti di marca a prezzi scontati. Dal lunedì al sabato 8-13.

2. Crocetta (tra corso De Gasperi, corso Einaudi e corso Galileo Ferraris): situato in una delle zone più eleganti di Torino, vi si possono scovare molte occasioni per quanto riguarda abbigliamento, accessori e prodotti per la casa. dal lunedì al sabato 8-14.

Perdetevi per Torino lasciandovi trainare dall'istinto per scoprire botteghe artigiane, negozi dove fare shopping e locali insoliti. Non ve ne pentirete...

Articoli correlati:
Moda e Bellezza a Torino
Abbigliamento per bambini a Torino
Gaia Audino

Federica Giuliani
Scritto da Federica Giuliani Federica Giuliani

Federica Giuliani, giornalista e scrittrice, è nata viaggiando. Ama osservare il mondo da angoli inconsueti per raccontare storie su luoghi e persone. Appassionata di cibi buoni e originali afferma che “non si può dire di avere davvero conosciuto un luogo senza averlo anche assaggiato".

{}