GrouponMag BARI

Mangiare pugliese da Eataly Bari

Scritto da ORNELLA MIRELLI | 26.1.2014 |
Mangiare pugliese da Eataly Bari

Cosa mangiare da Eataly, il tempio del cibo italiano di qualità nel mondo? In qualunque città vi troviate vale sicuramente la pena, secondo me, assaggiare la famosa Piadina romagnola dei fratelli Maioli di Cervia, davvero notevole, o l’hamburger di Fassone piemontese, indubbiamente squisito oltre ad un assaggio di quel salume emiliano straordinario che è lo Strolghino di Culatello di Zibello.  Detto ciò, il mio consiglio è di andare a mangiare da Eataly sempre in compagnia, per poter assaggiare di tutto un po’ e dividendo le porzioni con gli amici.  Scendiamo nel dettaglio però e vediamo cosa mangiare di tipico pugliese da Eataly Bari.

Sicuramente comincerei dai fritti: innanzitutto quelli di pesce (filetti di triglie e merluzzetti, infarinati in un mix al 50% di semola di grano duro e farina 00, cotti rigorosamente in olio extravergine pugliese), ma anche pettole (frittelle gofie, soffici e croccanti) con pomodori secchi o le crocchette farcite con verdure di stagione. Tutti i fritti sono serviti nel classico cartoccio street food style per poter mangiare e girare tra i banchi del piano terra.  Ancora tra i fritti, troviamo il tipico Panzerotto alla barese farcito con fior di latte, pomodoro pecorino e pepe.

E se proprio non vi va di curiosare tra i vari reparti, dopo esservi gustati il vostro cartoccio vi prendete una birra artigianale, vi scegliete un bel libro, vi sedete in poltrona in uno spazio del reparto libreria e vi mettete a leggere.

Se invece salite al piano superiore imperdibile è la Burratina del Caseificio Montrone di Andria con il capocollo di Martina Franca da accompagnare  magari con uno spicchio di Focaccia barese cotta nel forno a legna.

Panorama_Eataly_500x375

Tra i primi, oltre alle classiche orecchiette con pomodorini di Torre Guaceto, con rucola e cacioricotta, mi sento di consigliarvi i tubetti con le cozze, in bianco mentre se preferite la pizza ne troverete una particolare con mortadella e caciocavallo podolico. L’impepata di cozze e l’insalata di polpo e patate per chi vuole scoprire il sapore del mare pugliese sono da provare e se al contrario preferite la carne, tipiche sono la zampina di San Michele o le bombette martinesi, tutto cotto al momento e servito caldissimo.

Tra i dolci spicca il piccolo babà di semola di grano duro su una base di cioccolato fondente, sormontato da un ciuffetto di crema pasticcera: si tratta di un dolce della  tradizione napoletana, è vero, ma appositamente studiato da Luca Montersino per Eataly Bari e che ha come ingrediente base la semola di grano duro dei Molini Casillo di Corato.

Cosa bere? Nel corner dedicato al vino libero si può trovare quello che più ci piace ma le birre artigianali la fanno da padrone.

Vero punto di forza della location Eataly a Bari è l’affaccio sul mare: se vi trovate in città in una giornata di sole, che vi assicuro non sono rare neppure in pieno inverno, potrete godere dalle terrazze di Eataly Bari di un panorama davvero strepitoso. Vi sembrerà di stare su una delle tante navi da crociera che attraccano al porto di Bari.

Insomma, che siate o no pugliesi, sia pure per curiosità, un giretto da Etaly è d’obbligo.

Eataly Bari

Lungomare Starita, 4

Tel: 0806180401

Website: http://www.bari.eataly.it/

Ammodomio
Scritto da Ornella Mirelli Ammodomio
{}