Nessuna nuova notifica

5 elementi del bagno che non sapevi di dover pulire

13 mag 2020

Abbiamo parlato delle cose che dovresti pulire nella tua cucina (no, la lavastoviglie non si pulisce da sola). Ora, però, passiamo al bagno, dove cercheremo di sorvolare sulle cose ovvie, come lavandino e WC, per concentrarci sugli oggetti a cui devi fare attenzione se vuoi far risplendere il tuo bagno.

Come pulire il soffione della doccia

I depositi calcarei potrebbero otturare i piccoli fori del soffione della doccia, quindi se l’acqua non sta fuoriuscendo da ogni apertura, è giunto il momento di pulirlo.

Istruzioni

 

  1. Usa una spugna o uno spazzolino vecchio per pulire le incrostazioni
  2. Riempi un sacchetto di plastica con una soluzione 1:1 di aceto e riscalda dell’acqua
  3. Metti il soffione nel sacchetto, in modo tale che la superficie con i fori sia sommersa completamente, e fissalo con un elastico o un laccio
  4. Lascialo a mollo per almeno 20 minuti 
  5. Elimina i residui facendo scorrere acqua molto calda dalla doccia
  6. Usa uno spazzolino o una graffetta per rimuovere ogni residuo persistente

Nota degli esperti

Se il tuo soffione è smontabile, rimuovilo per una pulizia più profonda.

Ogni quanto

Puliscilo ogni 6 mesi o qualvolta noti un cambiamento nel getto della doccia.

Come pulire i giocattoli da bagno

La muffa si può accumulare sia all’interno che all’esterno dei giocattoli da bagno, creando una patina tossica, ma niente paura: pulire le paperelle non è un’impresa così ardua come sembra!

Istruzioni

Innanzitutto, per quanto riguarda una soluzione detergente, puoi scegliere tra la candeggina e l’aceto bianco. La candeggina è molto efficace, ma potenzialmente dannosa per i più piccoli se non risciacquata in modo appropriato. Gli esperti affermano che l'aceto bianco può essere altrettanto efficace e molto più sicuro: nella peggiore delle ipotesi, i bimbi non si leccheranno i baffi dopo aver morso i giocattoli. Ad ogni modo, una soluzione da 1/2 a 1 tazza di candeggina o aceto in un litro di acqua dovrebbe bastare.

  1. Strizza i giocattoli per rimuovere i residui di acqua e lasciali asciugare
  2. Lascia ammollo il giocattolo nella soluzione per almeno un’ora; idealmente per tutta la notte. Assicurati che la soluzione finisca anche all’interno del giocattolo e capovolgilo per farla arrivare dappertutto
  3. Strofina l’esterno del giocattolo con uno spazzolino immerso nella soluzione
  4. Risciacqua accuratamente il giocattolo (finché non senti più l’odore della candeggina quando lo strizzi) e lascialo asciugare del tutto, preferibilmente al sole

Nota degli esperti

Per evitare di dover pulire di nuovo l’interno, quando il giocattolo è asciutto sigilla il foro con della colla a caldo o con colla attaccatutto

Ogni quanto

Una volta a settimana

Come pulire un portaspazzolino

Alcuni sostengono che il portaspazzolino sia uno dei punti della casa con più germi in assoluto, non solo perché si trova in bagno, ma anche perché spesso non si pensa a pulirlo. In realtà, si tratta di un covo di muffe e germi, quindi è consigliabile farci attenzione.

Istruzioni

  1. Sciacqualo con acqua calda
  2. Usa un vecchio spazzolino o uno scovolino per strofinare all’interno e all’esterno
  3. Immergilo nel collutorio antibatterico o in una soluzione di aceto e acqua 1:1 per almeno 5 minuti
  4. Sciacqua, strofina e sciacqua nuovamente
  5. Lascialo asciugare del tutto prima di rimetterci i tuoi spazzolini

Nota degli esperti

Puoi anche metterlo in lavastoviglie o usare il dentifricio per strofinare

Ogni quanto

Una volta al mese

Come pulirela tenda della doccia

L'accumulo di muffa e sapone su una tenda da doccia provoca scolorimento e putridume generale. Per fortuna è facile da pulire.

Istruzioni

Hai due opzioni. Puoi semplicemente pulirla a mano con un panno cosparso di bicarbonato di sodio o, in alternativa, puoi usare la lavatrice, anche se la tenda è in plastica o vinile.

  1. Imposta la lavatrice a caldo
  2. Rafforza la tua dose usuale di detersivo con bicarbonato di sodio o candeggina
  3. Fai andare la lavatrice come al solito
  4. Se puoi, aggiungi un bicchiere di aceto al ciclo di risciacquo
  5. Lasciala asciugare o mettila nell’asciugatrice impostando la temperatura più bassa

Nota degli esperti

Per evitare che la tenda si stropicci, potresti aggiungere al lavaggio un paio di asciugamani da bagno.

Ogni quanto

L’ideale sarebbe da una volta al mese fino a ogni tre mesi

Come pulire il rubinetto del lavandino

Probabilmente sei già solito pulire l’esterno del rubinetto durante la tua routine di pulizie del bagno, ma una pulizia più accurata può aiutare a rimuovere i depositi di calcare, che possono influire sulla pressione dell’acqua e attenuare la brillantezza dell’apparecchio.

Istruzioni

  1. Innanzitutto, controlla di che materiale è fatto il tuo rubinetto; alcune soluzioni per pulire non sono adatte a ferro o nickel, per esempio
  2. Crea la tua soluzione: una miscela di acqua e solvente per il calcio (per il quale dovresti usare i guanti) o aceto bianco non diluito
  3. Versa la soluzione in un sacchetto di plastica e avvolgilo attorno al rubinetto, fissandolo con un elastico o un laccio
  4. Lascia il rubinetto immerso per un lasso di tempo da una a 24 ore (il solvente per il calcio agisce più velocemente)
  5. Strofina via l’accumulo che nel frattempo si è ammorbidito con uno spazzolino, sia all’interno che all’esterno del rubinetto
  6. Sciacqualo e lascialo asciugare

Nota degli esperti

Usa uno straccio in microfibra per asciugare il tuo rubinetto: gli donerai ulteriore brillantezza

Ogni quanto

Ogni 3-6 mesi

 

 

  Letture correlate