Torino rappresenta una delle più importanti realtà italiane a livello industriale, artistico, culturale e scientifico. La prima capitale d'Italia ha saputo dimostrarsi negli ultimi anni non solo un centro produttivo, ma anche una vitale fucina culturale e creativa. La città piemontese vanta una tradizione culinaria di livello eccellente e conta ben cinque ristoranti ai quali è stata assegnata una stella dalla prestigiosa guida Michelin. Un vanto per i torinesi e tanti ottimi motivi per programmare un weekend alla scoperta culturale e gastronomica del capoluogo piemontese. Preparatevi al meglio!

I primi e i secondi piatti della cucina tradizionale di Torino

La cucina torinese include principalmente pietanze dai sapori forti e decisi. Tra gli elementi cardine della gastronomia cittadina si segnalano il burro, i funghi e i tartufi. Per quanto riguarda i primi piatti, i più celebri e gustosi sono i Tajarin, ossia delle tagliatelle di pasta fresca all'uovo generalmente condite con tartufo bianco o con sugo di selvaggina. Un'altra delizia da assaggiare sono i ravioli del Plin, antico piatto popolare costituito da ravioli di piccole dimensioni, i quali vengono arricchiti da un mix di carni come vitello, coniglio e maiale, successivamente stufate con le cipolle, le carote e il sedano. Tra i secondi sono celebri l'arrosto di manzo e la Doja: si tratta di una particolare variante della salsiccia, autentico fiore all'occhiello dei più rinomati ristoranti di Torino.

Le altre specialità torinesi

Non si tratta né di un primo, né di un secondo, ma con tutta probabilità rappresenta il piatto più conosciuto di Torino e dell'intero Piemonte: parliamo della "bagna cauda", la cui traduzione in italiano è "salsa calda", ossia una pietanza a base di acciughe, di burro, di olio e di aglio, servita prevalentemente nel periodo invernale. Il piatto viene tradizionalmente accompagnato da verdure o da crostini e gustato appena sfornato. Tra i formaggi torinesi si distinguono il taleggio, la toma, il bra e il gorgonzola, ancora più saporiti se serviti con i famosi e sottili grissini locali. E per completare il pranzo o la cena, i ristoranti torinesi propongono dolci e liquori di livello eccellente. Tra i dolci è impossibile non citare i gianduiotti e gli amaretti, conosciuti e apprezzati in ogni parte d'Italia, mentre tra i liquori si segnalano il Vermouth e il Rosolio.

Alla scoperta dei ristoranti Torino

I migliori ristoranti di Torino sono concentrati nella zona del centro storico, il quartiere più centrale della città. Per gustare le genuine pietanze della cucina piemontese si consiglia di fare un giro nel cosiddetto "Quadrilatero", zona ricca di locali di lusso e delle caratteristiche "piole", ovvero dei luoghi di ritrovo in cui si beve e si mangia in compagnia, immersi in un'atmosfera allegra e spensierata. Per lasciare un ottimo ricordo di sé e dei suoi ristoranti Torino vi invita a concludere la serata scegliendo uno dei suoi numerosi eventi, che animano soprattutto il fine settimana e le lunghe serate estive.

Approfondisci