GrouponMag MILANO

Asola, il ristorante del Brian&Barry Building di Milano

Scritto da CHIARA MACI | 12.9.2014 |
Asola, il ristorante del Brian&Barry Building di Milano

L'idea di un ristorante chiamato Asola e di una cucina Sartoriale all'interno di un building prevalentemente dedicato alla moda, mi piace fin dalle prime voci di apertura. L'idea è di Brian & Barry insieme a Eataly e Sephora.

Sette piani dedicati alla moda, al beauty e al lusso, ma anche 4 piani dedicati al cibo, con l’hamburgeria di Eataly e Meataly della Granda, il piano dedicato alla pizza e alla pasta in collaborazione con Rossopomodoro, il -1 con il mercato di Eataly e la piadina genuina romagnola e il ristorante Asola all’ultimo piano con l’executive chef Matteo Torretta.

Matteo Torretta l’avevo lasciato al ristorante Al V Piano, l’attico gourmet del Grand Hotel Visconti Palace, ma la sua cucina, qui, la trovo diversa e migliore.

Asola

Dopo le esperienze iniziate da Marchesi e continuate da Perbellini, Cracco, Canavacciuolo, qui Matteo trova, a mio parere, un equilibrio perfetto.

La cucina è perfetta. A vista, spaziosa e con un’area pasticceria dedicata. Il bancone, decisamente attraente, lo è un po’ meno per il target italiano che continua a preferire la terrazza all’aperto e i tavoli all’interno. Sbagliando.

Sempre di attici parliamo, ma la vista da questo quasi ultimo piano è qualcosa di unico. Con la luce giusta, poi … diventa mozzafiato.

Siamo al nono piano del palazzo nel cuore di Milano, al decimo c’è la Vip Room, ovvero un luogo speciale per eventi privati e non.

Il menu del pranzo e della cena, con i relativi prezzi, sono esposti all’ingresso.

Piatto Matteo Torretta

Io opto per due piatti, ma assaggio quelli dei miei amici al tavolo. Resto piacevolmente colpita dalla realizzazione dei piatti semplici, sempre.

E quindi la linguina di Gragnano con aglio, olio e peperoncino in fonduta di parmigiano e zenzero, mi attrae e, nonostante la assaggi senza aglio, mi convince. Stesso vale per l’uovo cotto a bassa temperatura e per il finto risotto di finocchi che, pur essendo abbondante (forse eccessivo per un antipasto), mi entusiasmano decisamente.

Assaggio poi il rombo arrosto con cannoli di cous cous e giardiniera con ristretto di crostacei (che mi viene versato in un secondo momento) e la ricciola del mediterraneo ed entrambi sono buoni. Non indimenticabili, ma con un’ottima materia prima e una discreta personalità.

Pur non avendo ordinato i dolci, la piccola pasticceria e i mini dessert che arrivano al tavolo, sono ottimi. E una golosa come me, sui dolci, non sbaglia.

Asola Torretta

Resto molto soddisfatta della cucina, nel complesso, e sono felice di aver trovato un Torretta più deciso e strutturato rispetto al precedente ristorante.

Unica pecca rimane, come in molti ristoranti, l’acustica e probabilmente i tavoli troppo vicini uno all’altro. Ma è cosa facilmente sistemabile, considerando l’apertura recente.

Asola
Via Durini 28
Telefono: 0292853303

Altri contenuti interessanti
Offerte su ristoranti di Milano
Consigli su dove mangiare e bere a Milano
Ristoranti vegani e vegetariani di Milano
Birra artigianale a Milano

Chiara Maci
Scritto da Chiara Maci Chiara Maci
{}