GrouponMag MILANO

Elisa Pavan, il suo foodblog e i luoghi del cuore a Milano

Scritto da MONICA PAPAGNA | 3.3.2014 |

Elisa Pavan, il suo foodblog e i luoghi del cuore a MilanoCome ogni mese arriva puntuale l'intervista ad una foodblogger che anima la Rete a suon di ricette. Dopo Nena, questa volta abbiamo incontrato Elisa Pavan, giornalista e blogger di Cooking Movies, il suo spazio virtuale, in cui si cimenta in ricette tutte ispirate al grande cinema.

Sul tuo blog, in ogni post, abbini una ricetta ad un film. Come mai hai scelto un taglio così specifico e particolare?

Ho scelto di unire film e ricette perché avevo voglia di scrivere di cinema e serie tv, ma in un modo che fosse personale ed originale: ho quindi pensato di unire alle emozioni del grande schermo quelle della tavola. Trovo che il cibo, esattamente come il cinema, sappia regalare sensazioni forti, solleticare i sensi, farci provare piacere o, qualche volta, delusione e persino timore. Insomma, cibo e cinema per me sono rappresentazioni artistiche della vita, diverse ma anche vicine…le amo entrambe!

Quanto è difficile abbinare una ricetta ad un film? Magari può essere semplice per alcuni film in cui ci sono espliciti riferimenti alla cucina, ma in altri, in cui non ci sono riferimenti, come fai?

Ogni tanto propongo le ricette che appaiono nel film, ma il più delle volte mi affido a suggestioni come il paese d’origine della pellicola, il periodo storico in cui è ambientato, l’atmosfera. Oppure creo dei parallelismi tra una ricetta e i protagonisti del film o le emozioni che la storia vuole comunicare.

Qual è la tua grande passione, il cinema o la cucina?

Diciamo che è il cinema, ma anche i cartoni animati e le serie tv, mi fanno compagnia da sempre e non potrei vivere senza! Ma ovviamente adoro anche il cibo: mangiarlo, assaporando sapori e consistenze familiari o del tutto nuovi, e prepararlo, specialmente per gli amici. In particolare adoro fare i dolci: mi rilassa tantissimo!

La tua ricetta preferita ed il tuo film preferito?

Per quanto riguarda la ricetta, dirò il cibo di cui non mi stanco mai, ovvero la pizza! Mi piace farla in casa, mi piace quella napoletana con il bordo alto, quella sottile alla romana, quella del panettiere… insomma non potrei vivere senza, anche se mi contengo e la mangio non più di una volta a settimana. Ma mi piacciono molto anche i risotti. Tra i dolci vincono senza dubbio le torte di mele.

Per quanto riguarda i film, ce ne sono così tanti, legati a diversi momenti della vita e dell’umore, non potrei proprio sceglierne uno! Guardo di tutto, dai blockbuster ai film d’autore, dalle commedie ai film drammatici, dai gialli ai film di guerra e alla fantascienza. TraPlumcake Marmorizzato i miei registi preferiti: icone come Alfred Hitchcock e Woody Allen, pseudo indie come Sofia Coppola e Wes Anderson, pazzi visionari come Baz Luhrmann, Michel Gondry e Tim Burton (prima maniera).

Che rapporto hai con Milano?

Milano è la città dove vivo e ci sono affezionata, al tempo stesso soffro per il suo clima e per certi provincialismi. La città ha delle bellezze nascoste ed è ricca di eventi e manifestazioni, c’è sempre qualcosa da fare, dall’andare alle mostre al girovagare per negozi, dagli eventi culturali alle fiere, anche se spesso si è così impegnati da avere poco tempo per godersi queste cose. E poi, sarò banale, ma vorrei meno inquinamento, più aree verdi e piste ciclabili capillari e veramente sicure, che ancora mancano.

Quali sono i tuoi posti del cuore?

Mi piace camminare per il mio quartiere, l’Isola, passeggiare di mattina passando dietro i chiostri della chiesa Santa Maria alla Fontana, bellissima. Di recente ho eletto mio nuovo “posto del cuore” la nuovissima piazza Gae Aulenti, che collega Isola con Corso Como: un paesaggio moderno e al tempo stesso caldo grazie alla fontana, ai giochi di luce, alla gente che l’ha già scelta come spazio urbano da vivere. Inoltre amo le Colonne di San Lorenzo, ci sono affezionata, avendo abitato lì vicino per diversi anni!

E i luoghi legati al food?

In zona Isola, dove vivo, ci sono diverse pasticcerie niente male, ma le mie brioche preferite rimangono quelle della storica Pasticceria Cucchi. Recentemente ho sperimentato Sugar e sono rimasta piacevolmente colpita dalla loro charlotte di mele! Inoltre, mi piace curiosare tra i negozi specializzati del centro, soprattutto sotto Natale: vado dallo storico Peck, se sono alla ricerca di regali golosi, al food market del 7° piano della Rinascente, per il tè e i canditi che metto nel panettone.

Torta_pompelmo_mandorleCi regali una ricetta?

Vi regalo la ricetta della Torta soffice di pompelmo e mandorle abbinata al film “Appuntamento a Wicker Park”.

Torta soffice di pompelmo e mandorle di Elisa

150 gr di farina 00

100 gr di farina di mandorle

2 cucchiai di fecola di patate

1/2 bustina di lievito per dolci

1 cucchiaino di bicarbonato

2 uova

8 cucchiai di zucchero di canna biologico

70 gr di burro

1 pompelmo medio grande, non trattato

Procedimento

Spremere un grosso pompelmo e grattugiare la sua buccia. Sbattere le uova con un pizzico di sale in una terrina e amalgamarle con lo zucchero di canna. Unire la farina di mandorle, l'altra farina, la fecola e il lievito. Mescolare bene e aggiungere il burro sciolto, il succo del pompelmo e la buccia grattugiata. Versare in una teglia imburrata e infornare a 180 gradi per 40 minuti. Una volta cotta e raffreddata, spolverizzare di zucchero a velo.

(La foto di Elisa è © di Max Digi)

----

(N.d.R. Se leggere l'intervista ad Elisa vi ha fatto venire voglia di regalarvi una cena fuori qui trovate tutte le offerte, presenti e passate, su ristoranti di Milano consigliati da Groupon)

Monica Papagna
Scritto da Monica Papagna Monica Papagna
{}