GrouponMag TORINO

Magorabin: estro e tradizione in centro a Torino

Scritto da FRANCESCA GONZALES | 30.1.2015 |
Magorabin: estro e tradizione in centro a Torino

Finalmente ho provato questo ristorante, il Magorabin: ne avevo sentito tanto parlare da diverse persone a cui piace mangiare bene, visto foto di piatti attraverso i social network e conosciuto Marcello Trentini lo chef e titolare del ristorante, in occasione di un evento gourmet a Torino. Era ora di andare da lui, seduta con le gambe sotto al tavolo e provare un suo percorso culinario. Ovviamente mi sono fatta consigliare, coccolare e non ho fatto domande, se non per capire chi è lui e da dove arriva, ma i suoi piatti devo dire che raccontano tutto.

Come una delle prime proposte Amsterdam composta da pan brioches, stracciatella di bufala, acciuga fresca, cipolla rossa acidulata, germogli di piselli e pringles sbriciolate. Capite?

Rombu

Questo è il piatto che a lui ricorda la gioventù quando si andava ad Amsterdam appunto a mangiarsi un panino per strada, il sapore è quello ma con un livello di freschezza e un giusto equilibrio come pochi. Da mangiare rigorosamente con le mani, e in un ristorante stellato non è cosa da poco, ti rimette subito con i piedi per terra e ti fa solo provare il gusto per quello che mangi.

Lui inizia a cucinare in casa con i genitori la domenica mattina di solito, quando non si andava a scuola, ci si alzava un po' più tardi e tutti insieme si preparava una bella colazione abbondante e poi si andava in gita per il Piemonte. Nasce così la passione dello chef per la cucina, in casa.

Il suo percorso di studi poi è artistico e ricerca la bellezza in ogni sua forma, infatti i suoi piatti sono tutti piccole opere d’arte. Poi inizia a cucinare tanto, in diversi ristoranti prima come aiuto cuoco poi come cuoco fino a quando Magorabin non lo trova, perchè sì mi dice “Sono i locali che trovano te, non tu che trovi loro”.

Magorabin Torino

Apre così il 19 febbraio del 2003 il ristorante che oggi ospita circa 40 coperti in un ambiente elegante e semplice, propone oltre al classico menù alla carta, anche dei percorsi culinari come “A mano libera” con libera interpretazione dello chef appunto, oppure il “Percorso della memoria” con 5 corse della tradizione torinese. Ma l’idea per avvicinare tutti alla sua cucina credo siano le colazioni di lavoro, un percorso composto da 2 corse e un dessert servito dal martedì al venerdì. Un modo per visitare il suo locale, conoscere lui, provare la sua cucina e farsi così affascinare per una prossima cena.

Uno chef sopra le righe che non rincorre le mode, ma si applica con serietà e dedizione nel suo lavoro, dove trova libero sfogo la sua parte più creativa. Un artista del cibo.

Magorabin
Corso San Maurizio 61/b
Tel: 0118126808

(Foto di Giorgio Cravero. Tutti i diritti riservati)

Articoli correlati
Le Fanfaron Bistrot, un tocco di Parigi nel cuore di Torino
La Gallina Scannata
Dora In Poi, viaggi con cucina a Torino

Francesca Gonzales
Scritto da Francesca Gonzales Francesca Gonzales
{}